IMG_0442

La società operaia Edmondo De Amicis

4 dicembre 2013 • BocciofileComments (0)3423

La Società di Mutuo Soccorso “Edmondo De Amicis” nasce nei primi anni del ‘900, dall’incontro di alcuni giovani pastori della zona con un gruppo di operai della zona di Corso Casale ed un circolo di tramvieri che lavoravano nella vicina Piazza Borromini, dove c’erano gli uffici ed un deposito dei tram.  La prima storica bandiera della Società indica il 1908 come l’anno di costituzione. Nello stesso anno muore lo scrittore ligure e torinese d’adozione, popolarissimo dott la Mole. Le finalità della Società consistevano, sin dall’inizio, nella Mutualità e nella solidarietà reciproca. Da un lato i problemi legati al lavoro, alla salute, all’educazione o all’approvvigionamento di qualsiasi tipo di risorse necessarie, dall’altra tutto ciò che era legato al “dopo”lavoro ed allo svago, al divertimento e alla convivialità.
Le società si dichiarava “apolitica”, sebbene si richiamasse alla  figura di De Amicis e dunque implicitamente alle teorie socialiste. La sede di Corso Casale 134, la stessa di oggi, fu acquistata con le quote dei soci pochi anni dopo la fondazione
Nel 1919 nasce il sodalizio con “La Fratellanza”, un’altra società operaia di mutuo soccorso fondata alla Madonna del Pilone nel 1882. La DeAmicis diventa nel 1911 una Società Operaia di Mutuo Soccorso a tutti gli effetti, e cosa molto particolare per il periodo, “di ambo i sessi”. Il fatto di essere una “Mutua d’ambo i sessi” caratterizza fortemente questa Società, che fin da subito aveva consentito alle donne di partecipare alle attività sociali.

IMG_0443

La storia della De Amicis è molto legata a quella del suo territorio, e la attività della Società oggi restano orgogliosamente legate alla storia della Società. I locali di Corso Casale sono un tuffo nella storia della Torino del secolo scorso. Lo stesso ristorante, ovviamente riammodernato e funzionale, mantiene intatto il fascino e l’identità del luogo e della tradizione della Società. Numerose ed interessanti anche le iniziative che la Cooperativa porta avanti. Per la cronaca, abbiamo cenato in incognito al ristorante e ne abbiamo apprezzato la cucina e l’atmosfera, con un buon rapporto qualità prezzo, in un angolo della città per intenditori, fuori dagli itinerari turistici e movidari abituali.

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.