medium_5196591046

Tornano le luci d’artista

1 novembre 2013 • CommunityComments (0)1138

Questa sera Torino si accenderà di luci e colori che, come ogni anno dal 1997 ad oggi, lasceranno i torinesi senza fiato e col naso all’insù. “Luci d’Artista”, arrivata ormai alla sua sedicesima edizione e promossa da ContemporaryArt insieme a Paratissima, Artissima e The Others, verrà inaugurata questa sera alle 18 in piazza Bodoni con uno spettacolo musicale a cura dei ragazzi del Conservatorio Verdi, che sarà accompagnato dall’accensione della prima opera luminosa: si tratta di “Ice-cream Light” della giovane artista tedesca Vanessa Safavi, in cui cinquanta coni gelato illumineranno la piazza e che, insieme all’opera del cileno Alfredo Jaar (“Cultura=Capitale”) installata sulla facciata della Biblioteca Nazionale, e l’opera della giovane Deniz Kurtel (“The Introspectacular”), farà parte delle nuove installazioni luminose, insieme alle altre diciannove. “The Intrispectacular” è un mondo surreale e futurista, che regalerà agli spettatori emozioni infantili: l’opera della Kurtel sarà un’opera mobile, che altro non è che un furgoncino che stazionerà una settimana per ogni circoscrizione della città, in cui i visitatori (4 o 5 per volta) si divertiranno come bambini a produrre suoni, anche solo con una risata a gran voce o un battito di mani, per godere poi di uno scenario luminoso mozzafiato che seguirà, appunto, i suoni prodotti. La giovane artista, che viaggia per l’Europa con la sua auto e il suo rimorchio, era già passata di qui l’estate scorsa, quando ha presentato la sua invenzione in una serata al Bunker in cui si è anche fatta conoscere anche come deejay di musica elettronica. Di tutte le installazioni già presenti da molti anni, solo una rimane in sospeso: si tratta di “L’energia che unisce si espande nel blu” che si trovava nel soffitto della Galleria Subalpina, ora in via di restauro. Si pensa di trasferirla, infatti, sulla facciata trasparente di Porta Nuova, ma si attende il via libera dell’Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti.

Qui di seguito le opere e il posto in cui poterle ammirare:

“Vele di Natale” di Vasco Are, in via Maria Vittoria

“Palle di Neve” di Enrica Borghi, in via Pietro Micca

“Ancora una volta” di Valerio Berruti, in via Santa Teresa

“Tappeto Volante” di Daniel Buren, in piazza Palazzo di Città

“Volo su…” di Francesco Casorati, in via Carlo Alberto

“Luci in bici” di Martino Gamper, in via Montebello

“Planetario” di Carmelo Giammello, in via Roma

“Piccoli spiriti blu” di Rebecca Horn, al Monte dei Cappuccini

“Cultura=Capitale” di Alfredo Jaar, in piazza Carlo Alberto

“Neongraphy” di Quyngyun Ma, in via Modane 16

“Luì e l’arte di andare nel bosco” di Luigi Mainolfi, in via Lagrange

“Il volo dei numeri” di Mario Merz, alla Mole Antonelliana

“Vento solare” di Luigi Nervo, in via Accademia Albertina

“Palomar” di Giulio Paolini, in via Po

“Amare le differenze” di Michelangelo Pistoletto, a Porta Palazzo

“My noon” di Tobias Rehberger, in piazza Carignano

“Ice-Cream Light” di Vanessa Safavi, in piazza Bodoni

“Noi” di Luigi Stoisa, in via Garibaldi

“Luce fontana ruota” di Gilberto Zorio, al Laghetto di Italia ‘61

 

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.