images-1

Gattinara “Travaglini”

22 ottobre 2013 • Food&WineComments (0)1461

Il vitigno Nebbiolo e’ autoctono del Piemonte, e’ conosciuto quasi esclusivamente, per i nobili vini delle Langhe che ne derivano,ma e’ coltivato in altre zone e prendendo nomi diversi. A Gattinara e Ghemme in Piemonte , si chiama Spanna,in Valle d’Aosta picoutener,in Valtellina,Lombardia prende il nome di Chiavennasca.

Il Nebbiolo ,prende il nome probabilmente dalla nebbia che accompagna il periodo di vendemmia,dalla meta’ di ottobre. E’ un’uva non facile da addomesticare,richiede condizioni ambientali e climatiche particolari,motivo per il quale non ha molta diffusione. Non e’ ricca di sostanze coloranti ,per cui i vini che ne derivano non presentano tonalita’ intense e benche’ sia un uva da lunghi affinamenti,dopo qualche anno il colore del vino e’ gia’ mutato da rosso granato verso il rosso aranciato, in altri vini si penserebbe ad un difetto,nel Nebbiolo e ‘ tipico.

Nella provincia di Vercelli, esattamente a Gattinara,sulle colline ai piedi del Monte Rosa,ha sede un’azienda di grande tradizione e grande esperienza,che il Nebbiolo ha saputo capirlo ,riuscendo ad ottenere dei risultati eccellenti.
L’azienda Vitivinicola Travaglini,e’ una famiglia che dal 1958 si tramanda la passione,che oltre ad essere attenta nelle varie fasi dalla coltivazione alla produzione,ha studiato e fatto fare una bottiglia apposita per permettere al vino di fare affinamento e
lunga conservazione nel migliore dei modi. Fatta in vetro scuro e spesso,per non fare passare la luce che potrebbe dare difetti,
una parte e’ piatta,questo per permettere un migliore deposito dei sedimenti e non dover ricorrere alla decantazione fase di servizio.
Il Gattinara Riserva Travaglini ,fa 4 anni di affinamento,3 in botti rovere di Slavonia,poi botti piu’ piccole e 8 mesi in bottiglia.
E’ un vino che viene prodotto solo nelle annate migliori,colore rosso granato,sentori speziati,ciliegie in confettura,rose appassite liquirizia, mineralita’.Un vino equilibrato ,di corpo,fine e possiamo spingerci a dire armonico. 13,5% servire a 18° in abbinamento a selvaggina ,piatti saporiti di carne e formaggi stagionati. Marco Gianotti
Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.