IMG_1427

Poveri nella città

3 ottobre 2013 • La città che cambiaComments (0)1195

images-1

Domani alla Fabbrica delle E a Torino si terrà il Convegno dal titolo “POVERI NELLE CITTA’, CHE COSA CHIEDONO A TORINO E CHI RISPONDE” organizzato da Celid e Cooperativa SOLARIS. Guido Tiberga intervisterà gli autori del libro “Poveri nellacittà” , Roberto Cardaci, sociolog, docente e ricercatore, esperto di questioni socialie e nuove povertà, Pierluigi Dovis, direttore della Caritas Diocesiana di Torino e Paolo Griseri, inviato de “La repubblica” esperto di questioni economiche ed in particolare di FIAT. Il convegno prevede tre sessioni di confronto di idee. Nella terza sezione sono invitati al confronto  l’ Assessore al Lavoro della Provincia di Torino, Carlo Chiama, e il Vicesindaco della Città di Torino ed Assessore al Welfare Elide Tisi. Il dibattito si annuncia particolarmente interessante alla luce degli ultimi dati riguardanti la condizione dell’economia del torinese, ed in paticolare di Torino, città i cui nel 2011, secondo le stime della Caritas, un decimo della popolazione viveva a cavallo della soglia di povertà. All’interno di questa zona grigia ci sono i poveri noti alle istituzioni del Welfare locale ed i nuovi poveri, resi frgili e vulnerabili dalle crisi economiche legate alla globalizzazione ed alla conseguente delocalizzazione di parte della produzione ed alla crisi in generale che ha colpito con violenza il settore manifatturiero in Italia. Le ultime cifre sulla cassa integrazione e sulla disoccupazione, unite ai dati demografici sull’invecchiamento della popolazione, aggravano un quadro già critico in un contesto di scarsa disponibilità di risorse da dedicare allo stato sociale.

 

 

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.