images

Le stelle del NBA

21 luglio 2013 • SportComments (0)1733

images

Il basket nostrano per gli appassionati ha un fascino che difficilmente lascia indifferenti. Oggi che la PMS si affaccia alla Lega2 è tutto più bello! Dall’altra parte dell’oceano atletico c’è tuttavia il campionato dei sogni, l’NBA. La stagione 2013-14 sarà una stagione interlocutoria perché grandissimi team ripartiranno quasi da zero e nuove superpotenze daranno tutto in un anno per vincere qualcosa.

Facciamo il punto su alcune delle franchigie di maggiore spessore, ma ricordiamo però che i campionati professionistici negli USA hanno un approccio profondamente diverso rispetto allo sport nel vecchio continente. Al di la dell’oceano difatti ogni anno i team che hanno chiuso la stagione nelle posizioni peggiori, non solo non retrocedono, ma hanno anche la possibilità di scegliere i giocatori più forti tra le nuove leve. Inoltre, chi vuole avere i migliori tra i migliori deve essere pronto a pagare una “tassa del lusso” che va colpire chi troppo spende per i giocatori. È come se il Barcellona , il Real oppure il Monacò o il PSG dovessero dare decine di milioni di Euro alle varie leghe perché fanno incetta di campioni. Tutto questo riequilibra nell’arco di alcune stagioni gli equilibri e ridà sempre nuovo interesse alla lega.

Partiamo dai campioni in carica, gli “Haters”, al secolo i Miami Heat . Team quasi del tutto confermato con l’eccezione dell’amnesty per Miller (risparmio 17 milioni) Ray Allen ed  Andersen rimarranno ed ora si va in caccia di Greg Oden per rafforzare la posizione di centro e di un secondo play (si fa il nome di Mo Wiliiams) . Orlando e Washigton sono due compagini che faranno la loro comparsata ma nulla di più. Stessa sorte per Charlotte , che probabilmente tornerà a chiamarsi Hornets dopo che New Orleans ha preso la denominazione Pelicans (davvero pochino per il presidente, sua maestà “Air” Jordan). Atlanta ha cambiato per non cambiare! Via Smith, dentro Millsap ma niente di più che una squadra da play off (e fuori al primo giro). Peccato per il quasi arrivo in panchina di Ettore Messina (già assistente ai Lakers qualche stagione fa). Philadelphia e Toronto, scusate avete un digestivo a portata di mano!?

 Dalla grande Mela arriva l’attacco ai campioni della Florida. Brooklin e NY si sono infarcite di campioni (anche se un po’ datati e rotti) per dare l’assalto al titolo. Potremmo chiamare la loro prossima stagione “Now or never”. I Nets  di JZ e del plurimiliardario russo Prokhorov hanno acquisito Garnett e Pierce da Boston (giocatori da urlo) aggiungendo Kirilenko e Terry al piatto. Deron Williams, Joe Johnson, Pierce.Garnett e Brook Lopez, il quintetto e le riserve sono da paura. Riuscirà Kidd, neo allenatore a far girare la macchina “infernale” … credo di no, ma ci faranno divertire. I Knicks rispondono con Bargnani e Metta World Peace (aka Ron Artest). Melo Anthony, Tyson Chandler e Amar’e Stoudemire , J.R. Smith, Pablo Prigioni, Ray Felton, Iman Shumpert … cavolo ma è quasi una all stars! Coach Mike Woodson avrà tante armi questa stagione … ma anche lui crediamo rimarrà a secco! Attendiamo con ansia i numerosi derby di stagione!

Ultimi ma speriamo , da tifosi (si, non temiamo di rivelare il ns. amore per i colori bianco verdi), non ultimi in classifica i Boston Celtics. Stagione da brividi per i pluricampioni NBA, il team con più successi della storia. Via il grande “Doc” Rivers, in panchina va  il giovanissimo (36) Brad Stevens. Via tutti i grandi campioni (Pierce e Garnett su tutti) , si riparte  – forse – da Rajon Rondo e da un manipolo di giovani. In pieno stile USA ecco una stagione zero dopo 6 stagioni al top. Jeff Green e Avery Bradley i comprimari principali e dietro tante novità e qualche scarto dei Nets (Humphries su tutti, davvero pessimo). In molti sono convinti che il team più vecchio dell’NBA (c’è da sempre e sempre con lo stesso nome), per questa stagione punti al tanking, ovvero a perdere il maggior numero di partite per scegliere la stella del draft 2014 (che si preannuncia molto interessante ). Ainge , ds, dice di no ma in pochi ci credono, purtroppo!  C.B.

 

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.