643966_113990515424798_1596834005_n (1)

San Salvario: cinque anni di movida vissuti intensamente

1 giugno 2013 • LocalComments (0)1516

643966_113990515424798_1596834005_n (1)

Lo stop alle licenze per i locali notturni a San Salvario non è certo la prima mossa adottata dall’amministrazione comunale per regolare la movida e i suoi eccessi. I tentativi di mettere dei paletti e normalizzare il fenomeno coprono l’ultimo lustro.

A cavallo fra il 2007 e il 2008 a San Salvario aprono i primi locali e subito si notano due aspetti connessi alla novità; i locali agiscono da presidio, rappresentano una sicurezza e spostano lontano i traffici dei pusher ma portano anche avventori che fino a notte inoltrata, in primavera e in estate, schiamazzano sotto le finestre.

Nascono così i primi problemi e i residenti costituiscono un agguerrito comitato deciso a riconquistare notti tranquille. Intanto nuovi locali continuano ad aprire i battenti e a creare una rete, anche insieme agli atelier e agli studi di artisti, che riesce in un obiettivo perseguito da anni a San Salvario: allontanare il malaffare e ripulire il quartiere.

Più locali significa anche maggiori disagi e continue proteste dei residenti. La prima ad intervenire è la circoscrizione Otto che escogita un accordo tra gentiluomini, denominato “patto da bar”. Un patto scritto tra esercenti, polizia municipale e residenti per limitare gli eccessi degli avventori. Raccolta dei rifiuti, schiamazzi, presenza di steward assoldati dai locali per redarguire i clienti più chiassosi e tavoli di confronto con i residenti e la polizia municipale per venirsi incontro sono i punti principali degli accordi.

In un primo momento i patti da bar sembrano dare gli effetti sperati ma nello stesso periodo San Salvario diventa il fulcro della movida, superando anche piazza Vittorio e il Quadrilatero Romano. Dehors ovunque, auto parcheggiate dove capita, intasamento delle strade a qualsiasi ora, capannelli di persone che sostano sugli angoli o davanti ai locali, biciclette legate agli angoli, muri che si trasformano in latrine e ogni mattina un tappeto di bottiglie, vetri, bicchieri e rifiuti di ogni tipo.

La circoscrizione tenta un’altra strada. Propone una pedonalizzazione soft e limitata soltanto alle serate dal giovedì al sabato – quando la movida entra nel vivo – con ingresso consentito soltanto alle auto dei residenti. La proposta cade però nel vuoto così come quella, avanzata da alcuni esercenti, di adibire corso Marconi a parcheggio per la movida.

Due anni fa il Comune decide di lasciare piena libertà alle licenze a San Salvario e di dare un giro di vite negli altri paradisi della movida. Ieri il passo indietro, stop alle licenze per un anno nel quadrilatero caldo.

Alessandro P.

Pin It

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Close
Seguici su Twitter e Facebook
e scopri quello che non ti aspetti,Bocciofile Torinesi.